Remember me my love, I’m the one you’re dreaming of Going for a ride, I’ll keep you warm inside I’m gonna roll up the sidewalk, I’m gonna tear up the ground Comin’ round to meet you, The long way round Sooner or later, I’ll get me off this track Gotta do what it is that I do and then I’m – coming back Got sun in my face, sleeping rough on the road I’ll tell you all about it, when I get home Gonna roll up the sidewalk, I’m gonna

 La vera casa dell’uomo non è una casa, è la strada. La vita stessa è un viaggio da fare a piedi. – Bruce Chatwin C’è sempre frustrazione quando ti relazioni con qualcuno che non parla la tua lingua e sembra non faccia il minimo sforzo di cercare di capirti. In latinoamerica la frustrazione a volte mi faceva fumare perché sapevo che non parlavo arabo (ormai lo spagnolo lo parlavo relativamente bene) ma capitava, a volte, che la gente mi guardava come se stesse osservando un essere alieno con cinque teste.

Vivi, viaggia, avventura, benedici, e non dispiacerti. – Jack Kerouac È passato praticamente un mese dal mio arrivo a Ushuia, città più australe del mondo, nella Patagonia e punto d’arrivo della mia traversata del continente americano da punta a punta. Dalla costa dell’Oceano Artico in Alaska alla Terra de Fuoco in Patagonia. È passato un mese gia’, ma un mese frenetico di preparativi, di cambio di attrezzatura, di cambio continente. Pensavo che arrivando a Ushuaia e terminando la tappa americana avrei avuto un po’ di tempo per me, per assaporarmi

Premessa: di solito non scrivo circa i percorsi che faccio perché trovo molto noiosi blog del tipo: mi sono alzato alle ore X, pedalato per Y Km, fermato per il pranzo qui, l’approvvigionamento idrico lì. Comunque, voglio scrivere di un percorso che potrebbe offrire un modo alternativo lasciare (o arrivare) Villa O’Higgins diverso dal normale traghetto da 50$. Le informazioni su questa via sono scarse e molte sono fuorvianti. I proprietari di barche a Villa O’Higgins hanno tutto l’interesse a tenere lontano le persone da Paso Mayer per ovvi motivi.

La felicità è vera soltanto se condivisa ― Christopher McCandless Partiamo subito dalla conclusione: per me, il cicloviaggio è un’attività che va intrapresa da soli, per lo meno per la maggior parte del tempo in una lunga avventura. Numero di compagni: zero è l’ideale, uno accettabile, due o più sono una folla. Ho viaggiato per molto tempo solo; a volte con un amico oppure un compagno/a conosciuto per la via oppure con delle coppie o addirittura un gruppetto. Così dopo quasi due anni di vita sulla strada ho concluso che per

1 2 3 5 Page 1 of 5