All posts by

Davide Travelli

La felicità è vera soltanto se condivisa ― Christopher McCandless Partiamo subito dalla conclusione: per me, il cicloviaggio è un’attività che va intrapresa da soli, per lo meno per la maggior parte del tempo in una lunga avventura. Numero di compagni: zero è l’ideale, uno accettabile, due o più sono una folla. Ho viaggiato per molto tempo solo; a volte con un amico oppure un compagno/a conosciuto per la via oppure con delle coppie o addirittura un gruppetto. Così dopo quasi due anni di vita sulla strada ho concluso che per

Tra vent’anni non sarete delusi delle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l’ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite. ― Mark Twain Devo fare ciò che faccio e poi tornerò indietro. C’è il sole sul mio viso, Dormo all’addiaccio sulla strada, Ti racconterò di tutto ciò, Quando torno a casa. ― Stereophonics, Long Way Round Il pericolo più grande nella vita è di non prendere l’avventura. ― George Leigh Mallory Guarda, se avessi un solo tentativo,

“Dovunque tu vada, mi piacerebbe ricevere una bella cartolina.” ―  Lailah Gifty Akita “Mia madre è una grande artista, ma ha sempre trattato i suoi quadri come cartoline minori. Se avesse perseguito, lei sarebbe stata una grande artista. Invece ha sempre guardato dall’alto in basso la sua arte.” ― Isabel Allende Il mio viaggio è lungo. Quello che cerco di fare è vivere nel modo più frugale e stoico possibile. Il mio budget giornaliero è ben al disotto di 3/5€ al giorno. La maggior parte dei giorni non spendo più

“Quando lo stomaco di un uomo è pieno non fa differenza se è ricco o povero.” – Euripide Quando stavo preparando il viaggio sapevo che la mia inesperienza in fatto di viaggi in bici e di campeggio non mi avrebbe reso vita facile. Avendo deciso di partire dalle terre selvagge dell’Alaska, perlomeno nei primi tempi avevo davanti una curva di apprendimento tutta in salita. Ho deciso quindi di rimuovere uno dei fattori problematici che avrebbero potuto farmi perdere molto tempo: l’alimentazione. Per rimuovere il problema di preparare colazioni, pranzi e

La vita non dovrebbe essere un viaggio verso la tomba con l’intenzione di arrivare in modo sicuro in un bel corpo ben conservato, ma piuttosto una sbandata di traverso, dove arrivi completamente sfinito proclamando a gran voce: Cazzo, che corsa! – Hunter S. Thompson Che storia matta. Già un anno è passato dal 13 agosto 2015 quando nel primo pomeriggio di una normale giornata di pioggia lasciavo Prudhoe Bay/Deadhorse sull’Oceano Artico per immettermi nel chilometro zero della Dalton Highway considerato punto d’inizio della Panamericana. Sarebbe facile lasciarsi andare ad un

Se non affronti la paura tutti i giorni, diventi sempre più debole, non più forte. – Tony Robbins Qualche giorno fa ero su un camion circondato da indios de La Guajira, lembo di deserto nella punta più a nord del continente sudamericano – terra di confine tra Colombia e Venezuela. Ero su camion, invece che sulla mia bici, ero intontito, con una mano e il collo che mi ardevano e bernoccoli in testa che pungevano. Con un sorriso stampato in faccia, bevevo una sorta di rum indigeno preparato con lo

L’uomo è misura di tutte le cose: di quelle che sono, in quanto sono, di quelle che non sono, in quanto non sono. – Protagora Ormai sono alla latitudine di Mosca – così m’incoraggiavo lungo l’Alaska Highway pensavo che ormai non potesse più fare tanto freddo. Conoscevo (anche se relativamente) il clima di Mosca a settembre. Dall’inizio del viaggio da Prudhoe Bay in Alaska mi ero accorto che più dei chilometri infatti era importante misurare la mia latitudine, capire di quanto scendevo, se la strada scendeva in linea retta o

La miglior definizione di una vera avventura è un viaggio dal quale si potrebbe non tornare indietro vivi – e sicuramente non più la stessa persona. – Yvon Chouinard, Let my people go surfing Una mattina calda, umida e saliscendi lungo la costa accompagnavano la ripresa del viaggio in bicicletta dopo una notte passata campeggiando sulla spiaggia a Boca de Iguana, Messico. A torso nudo, grondante sudore in un strappo più lungo degli altri ho controllato il mio contachilometri e mi sono accordo di aver passato la soglia dei 10,000

A quel tempo danzavano per le strade come pazzi, e io li seguivo a fatica come ho fatto tutta la vita con le persone che mi interessano, perché le uniche persone che esistono per me sono i pazzi, i pazzi di voglia di vivere, di parole, di salvezza, i pazzi del tutto e subito, quelli che non sbadigliano mai e non dicono mai banalità ma bruciano, bruciano, bruciano come favolosi fuochi d’artificio gialli che esplodono simili a ragni sopra le stelle e nel mezzo si vede scoppiarela luce azzurra e

Lasciare New York, non è mai facile (mi sta facendo a pezzi). Ho visto la luce svanire – R.E.M “Leaving New York” 22/12/2015 Hmm…pesante. Troppo pesante. Troppo carico. Impossibile continuare il viaggio in questo modo. Ho le gambe dure. Non faccio più velocità. Non ci sono abbastanza ore di luce per fare chilometri. Fa’ più freddo del previsto. Questi sono solo alcuni dei pensieri che assillavano la mia mente appena lasciato San Francisco. Non sono l’unico che ha problemi a riprendere il viaggio dopo una lunga pausa, leggendo i racconti

1 2 Page 1 of 2